Piovono soldi sui comuni, qualche idea per San Giorgio

Negli ultimi tempi sta andando molto di moda l’helicopter money per risollevare l’economia. Il concetto è quello di immettere soldi pubblici direttamente nelle tasche dei cittadini senza nessun particolare criterio.
Ecco, una cosa simile sta avvenendo anche per i Comuni.


Lo Stato, in evidente difficoltà a canalizzare i fondi, decide quindi di inviarli direttamente ai municipi, indipendentemente dalla partecipazione a un bando o per una finalità precisa, bensì esclusivamente in base al numero di abitanti, come criterio di assegnazione.

Intendiamoci, i Comuni sono l’Ente più prossimo alla comunità, né conoscono i bisogni (o almeno dovrebbero…) e più rapidamente sono quelli ad attivarsi nelle situazioni di emergenza. In ragione di ciò pensiamo che sia giusto destinare questi fondi, tuttavia la domanda da porsi è: la qualità della spesa viene misurata?
Nei Comuni si riuscirà a cogliere questa opportunità convogliando questa pioggia di soldi in investimenti per il futuro, oppure sarà l’ennesima occasione persa?

Nel dettaglio i fondi a disposizione a favore dell’efficientamento energetico destinati al Comune di San Giorgio a Cremano corrispondono a 130.000 € per ciascuna annualità (dal 2000 al 2024) per un totale di 650.000 € .

Per quanto concerne il Fondo infrastrutture sociali, dal 2020 al 2023 ci sono 58.430,5 € all’anno da utilizzare per nuovi interventi come: manutenzioni straordinarie, su scuole, strutture e residenze sanitarie, edilizia sociale, beni culturali, impianti sportivi, arredo urbano, verde pubblico, e altri ambiti della vita sociale.

Stanziamenti nel 2020 per far fronte alla crisi epidemiologica COVID-19, tra le altre misure di sostegno, sono previsti a San Giorgio come a tutti gli altri Comuni italiani. Alla nostra Città spettano 283.434,39 € e l’assegnazione in questione è commisurata alle stime delle possibili maggiori spese per trasporto scolastico e per interventi di sostegno sociale, sebbene tale criterio non costituisce in alcun modo “vincolo di destinazione”.

E’ essenziale aprire uno spazio per il confronto con l’obiettivo di comprendere come la nostra Amministrazione deciderà di impiegare queste risorse e soprattutto per quali finalità.

Ascoltare le esigenze della propria comunità per stabilire un filo diretto con la cittadinanza attiva: questo dovrebbe condurre ogni pubblica Amministrazione a tradurre in atti concreti progetti e idee.

FreeCremano aprirà un osservatorio sul tema e si renderà disponibile nei confronti della Amministrazione comunale per fornire il proprio contributo, in maniera del tutto spontanea e gratuita.


Guardare al futuro significa investire questi fondi in maniera intelligente utilizzandoli come leva per generare ulteriori risparmi o fonti di entrate per il Comune, risparmio significa in primo luogo efficienza energetica

Lascia un commento